Abilità di recupero dalle dipendenze – Come acquisire assertività per potenziare il tuo recupero

Alcolisti e tossicodipendenti sono chiamati ad apprendere nuove abilità di vita per sostituire i ruoli che le sostanze chimiche hanno svolto nelle loro vite. Alcune delle abilità più importanti da acquisire nel recupero precoce sono abilità comunicative e relazionali efficaci.

L’assertività è necessaria per la comunicazione e le capacità relazionali. Questo stile sicuro di sé non implica solo la capacità di difendere i propri diritti senza calpestare i diritti degli altri, ma implica anche la capacità di dire “no” senza sentirsi in colpa. Comprende assumersi la responsabilità dei propri sentimenti, comportamenti, decisioni, azioni e reazioni, rinunciando al contempo alla responsabilità per quelle stesse cose negli altri. Include la capacità di esprimere in modo appropriato una gamma completa di emozioni agli altri.

Un comportamento sicuro di sé e fermo implica essere in grado di comunicare apertamente, onestamente e direttamente i propri desideri e bisogni. La definizione di confini rigidi non implica la costruzione di muri impenetrabili. Dice agli altri dove ti trovi e delinea una serie di comportamenti appropriati nei tuoi confronti.

La passività denota un’assenza di fiducia in se stessi e fermezza. In genere comporta l’abbandono dei propri diritti, desideri, bisogni, ai desideri o ai bisogni degli altri. L’assenza di confini appropriati consente agli altri di trattarti praticamente come vogliono, indipendentemente da ciò che desideri.

L’aggressività implica il superamento dei confini degli altri per soddisfare i propri desideri o bisogni. Può comportare abusi verbali, emotivi, sessuali, spirituali o intellettuali. Ciò potrebbe comportare manipolazioni e tattiche di lotta sporca. Le persone possono anche essere passive-aggressive, il che significa essere aggressive in modo subdolo e nascosto. Il più delle volte si tratta di esprimere la rabbia in modo nascosto. Un classico esempio è la tipica maldicenza, parlare alle proprie spalle del tipo di comportamento che si vede ogni giorno nel mondo del lavoro. La maggior parte delle persone mostra questo comportamento di tanto in tanto. Di seguito sono riportati esempi di risposte passive aggressive a una richiesta che non si desidera eseguire:

1. Dire “ok”, ma non avere alcuna intenzione di farlo.

2. Dire “ok”, con l’intenzione di farlo, ma rimandare finché alla fine non lo faranno da soli.

3. Dire “ok”, farlo, ma fare un pessimo lavoro, pensando “non mi chiederanno mai più di farlo”.

4. Dire “ok”, farlo e fare un buon lavoro, ma in primo luogo andare in giro con tutti a lamentarsi della loro imposizione.

5. Invece di dire “no”, adducendo 15 scuse per cui non puoi farlo e il vero motivo è che non vuoi.

Un modo appropriato per affrontare una richiesta indesiderabile è dire: “No, non voglio farlo”, o “No grazie” o “No”. Quando non sei abituato a essere assertivo, un semplice “No” può sembrare aggressivo.

La maggior parte delle persone ha un’area della propria vita in cui si sente abbastanza sicura di difendere se stessa. Anche la persona meno sicura di sé ha un’area in cui può essere assertiva e la persona più sicura di sé ha un’area in cui sembra che non riescano a farcela.

Le abilità che usi per essere fermo in un’area sono trasferibili ad altre aree dove sembra che cederai sempre. Tutto ciò che serve per trasferire queste abilità è il “rischio”. Il rischio è solitamente la paura della perdita quando eviti di cercare di essere assertivo. Questa paura della perdita riguarda spesso la perdita di stima, autostima, perdita di beni e servizi o perdita della relazione. Il più delle volte, la paura è sproporzionata rispetto alla probabilità di una perdita effettiva.

Per scoprire in quali aree hai meno fiducia nella tua capacità di essere assertivo, chiediti se in genere ti comporti in modo sicuro e fermo quando ti impegni nelle seguenti circostanze:

1. Uscire dal telefono dai venditori senza ascoltare il loro tono di vendita?

2. Riportare qualcosa di difettoso a Walmart?

3. Rispedire una bistecca che non è cotta nel modo in cui l’hai ordinata?

4. Dire “no” al tuo vicino quando vuole prendere in prestito qualcosa.

5. Stabilire dei limiti con qualcuno al lavoro che cerca di trarre vantaggio dalla tua buona natura cercando di farti fare il suo lavoro o chiedendoti di coprirlo.

6. Negoziare per cambiamenti sul lavoro, per più soldi o per un cambiamento nelle condizioni di lavoro.

7. Dire “no” a uno dei tuoi fratelli che vuole qualcosa che non vuoi dare: tempo, energia o altre risorse.

8. Dire “no” (e rimanere “no”) a uno dei bambini che vuole qualcosa che non vuoi dare, fare o comprare.

9. Stabilire dei limiti con la generazione precedente (i tuoi genitori oi genitori del coniuge) quando vogliono immischiarsi nei tuoi affari dove non appartengono (es. denaro o matrimonio).

10. Trasmettere i tuoi sentimenti in modo assertivo al tuo altro significativo che ha fatto qualcosa che ha comportato il ferimento dei tuoi sentimenti.

Riesci a vedere schemi nelle aree in cui vuoi essere sicuro di te e dove hai più problemi? Quali sono?

In quali aree di difficoltà puoi diventare assertivo mettendo in pratica le abilità che già possiedi? Se corressi il rischio, cosa accadrebbe?

Guarda le aree che mancano di fermezza sicura e chiediti “Cos’è che non sono stato disposto a rischiare?”

La maggior parte delle volte, la paura non è basata sulla realtà. Se ti accorgi di non poter essere fermamente saldo nelle relazioni personali strette, il rischio è probabilmente la paura dell’abbandono. Potresti aver paura che quelle persone importanti non ti amino se sei onesto con loro o se ti prendi cura di te stesso.

L’assertività è uno sforzo utile. Costruisce e rafforza l’autostima. La passività, l’aggressività e l’aggressività passiva minano l’autostima. Imparare a essere sicuri e competenti nelle relazioni con gli altri è un importante compito di recupero. Una comunicazione sicura e ferma è una componente dell’acquisizione di queste capacità relazionali.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *