Allenare il calcio giovanile – Lezioni apprese da altri sport

Lezioni apprese da altri sport

Alcune lezioni apprese nell’allenamento del calcio giovanile mi hanno davvero aiutato ad allenare altri sport di cui so molto poco.

Nel 2002 lo Screaming Eagles Youth Football Program decise che avremmo avviato un programma di baseball. Il problema era che non avevo allenato il baseball prima e oltre il 90% dei nostri ragazzi non si era mai messo i guanti, poiché la popolarità del baseball è diminuita drasticamente nel centro città.

Dal momento che siamo stati in grado di ribaltare completamente il nostro programma di calcio dall’ultimo alla cima della classifica attraverso un allenamento intensivo degli allenatori e lo sviluppo di un sistema con una ricerca approfondita, ho deciso di fare lo stesso per il baseball:

La mia esperienza con il baseball era inesistente come allenatore. Avevo giocato solo fino all’ultimo anno delle superiori ed ero solo nella media in una giornata molto buona. Sentivo che la mia poca esperienza sull’argomento era minima e non avevo autorità o credibilità per imporre un nuovo sistema all’intero programma Screaming Eagle. Il “programma” di baseball che stavo mettendo in atto era solo per la mia squadra personale.

Ha iniziato il progetto come tutti gli altri, facendo ricerche sui video e sui libri disponibili per insegnare agli allenatori di baseball giovanile. Ho comprato una cassetta di Marty Shupack sull’organizzazione degli allenamenti di baseball. Sono andato alla struttura locale per gli allenamenti di baseball indoor e ho comprato alcuni libri e nastri che erano tutti specificamente destinati agli allenatori delle giovanili. Ho chiesto in giro e ho scoperto chi erano i migliori allenatori che hanno vinto costantemente. Molti di loro si allenano in una struttura indoor, quindi sono andato a vedere alcune delle squadre delle migliori squadre giovanili che ricevevano le loro istruzioni durante tutto l’anno.

Ho quindi chiesto consiglio ai migliori allenatori di baseball giovanile della zona. Se hai intenzione di imparare da qualcuno, perché non andare direttamente dal ragazzo che ha avuto più successo? Qui a Omaha c’è un ragazzo di nome Bill Olsen. L’allenatore Olsen ha allenato squadre dei Campionati Nazionali a livello giovanile. È un abile allenatore delle scuole superiori ed è stato anche assistente allenatore in una delle squadre olimpiche e panamericane degli Stati Uniti. L’allenatore Olsen sa il fatto suo e ha una passione per lo sviluppo di giocatori di baseball giovanili e adora insegnare agli allenatori come insegnare ai giocatori.

Ho avuto la fortuna di partecipare a 4 grandi clinic organizzati da Coach Olsen e, mentre avevo giocato 9 anni di baseball competitivo organizzato, ho scoperto:

1) Non sapevo nulla di allenatore di baseball

2) Nemmeno i miei precedenti allenatori di baseball sapevano nulla, ero stato sminuito come giocatore.

Mi impegnavo a non lasciare che accadesse la stessa cosa a questi ragazzi.

L’allenatore Olsen ci ha mostrato i fondamenti corretti, ma soprattutto come scomporre e insegnare ogni movimento. Ci ha fornito molte progressioni dettagliate per insegnare a colpire, schierare, lanciare e persino lanciare in modo corretto. Sono rimasto stupito di vedere come i suoi metodi fossero paralleli al modo in cui abbiamo insegnato ai nostri ragazzi a giocare a calcio giovanile.

Ho quindi osservato molti dei migliori allenatori “select” e rec level mentre eseguivano le loro prove. Ho imparato come insegnare i movimenti e come radere un sacco di tempo dalle mie pratiche. Ai tempi in cui giocavo, la pratica della battuta consisteva in 1 giocatore che colpiva mentre 11 giocatori si scopavano le palle in campo, che noia. Raramente sono stati impartiti punti di coaching, avremmo dovuto migliorare “praticandoci. Ho imparato a fare molto di più in molto meno tempo. Ho anche avuto la possibilità di osservare Mike Evans che esegue alcuni allenamenti da solo, Mike ha preso diverse squadre “Select” di Pacesetter ai Campionati Nazionali Giovanili e ora allena una squadra del Junior College. Ho imparato da lui alcuni giochi davvero carini che mantengono l’interesse dei bambini, proprio come i divertenti esercizi di team building e valutazione che facciamo per le nostre squadre di calcio giovanile.

Per farla breve, ho sviluppato un piano e l’ho implementato sulla base dell’esperienza di questi uomini, non su ciò che avevo conosciuto dalle mie stesse esperienze. La mia prima squadra avrebbe potuto essere descritta come la “Land Of Misfit Toys” del film “Rudolph The Red Nosed Reindeer”. Le nostre prime pratiche alla maggior parte dei bambini dovevano essere mostrate come indossare un guanto e circa 1/3 dei bambini non aveva nemmeno i guanti, erano ORRIBILI. Sono andato al negozio dell’Esercito della Salvezza e ho comprato dei guanti usati, li ho oliati e li ho preparati per la seconda pratica. I bambini continuavano ad arrivare e siamo migliorati ad ogni pratica mentre procedevamo molto lentamente verso il nostro obiettivo. Proprio come nel calcio giovanile, abbiamo lavorato sui fattori critici di successo, nient’altro, nessuna perdita di tempo o movimento. Abbiamo usato molti dei trucchi che usiamo nel calcio come progressioni, “focus pronto”, istruzioni di gruppo, fit and freeze, live scrimmaging limitato, contratti dei giocatori, modello di disciplina ecc. Usando le idee di Coach Olsens e quello che ho visto nei video, eravamo in grado di ottenere ogni giocatore 16 minuti di pratica di battuta in ogni 2 ore di pratica che abbiamo avuto. Non abbiamo nemmeno colpito “dal vivo” fino alla settimana 3 poiché abbiamo eseguito molte istruzioni ed esercitazioni per “colpire” senza mazze e senza palle, poi andando a Tees, poi a soft-toss e poi a colpire la palla attaccata alla rigida 5′ attrezzo da palo che mi fa tanto male ai polsi.

Non abbiamo “scrimmage” o fatto un sacco di live infield e outfield, abbiamo fatto molti esercizi senza palle e ball to bucket. Non abbiamo giocato a cattura, sarebbe stata una totale perdita di tempo (giocare a prendere, non a prendere) abbiamo lavorato su esercizi di meccanica del lancio congelato (sì, adatta e blocca). Ho appena fatto tutto al 100% come suggerito da Bill Olsen.

Siamo entrati nella nostra prima partita non sapendo come giocare molto bene, ma stavamo facendo davvero buoni progressi sui fondamentali. Abbiamo finito per vincere quella partita e tutte le 14 partite che abbiamo giocato quell’anno, con sorpresa di TUTTI. Ognuno dei miei figli stava colpendo la palla, anche il placcaggio difensivo molto sovrappeso da 190 libbre che nel primo allenamento ha mancato quasi ogni palla che colpisce da un tee! Avremmo costantemente 1-2-3 inning ecc. in difesa. Nei due anni successivi sono rimasto a questo livello di età poiché questo gruppo originale è passato ad altre squadre. L’anno successivo la mia squadra ha vinto tutte e 12 le nostre partite e l’anno successivo abbiamo vinto di nuovo tutte e 14, tre anni come squadra dominante in campionato senza sconfitte in questa fascia di età e abbiamo cambiato campionato un anno in una Little League che ha prodotto costantemente Campioni di Stato. Non abbiamo mai giocato in nessun grande torneo perché sfortunatamente non avevamo i fondi per farlo e generalmente abbiamo adottato un approccio molto più basso al baseball come facevamo il calcio. Il baseball per noi era solo un “riempimento” fino all’inizio della stagione calcistica.

La morale della storia è; le priorità sono importanti, l’insegnamento della progressione dei minimi dettagli fondamentali è importante per ogni sport, lo “scrimmaging” è sopravvalutato e un’ottima organizzazione della pratica utilizzando trucchi per risparmiare tempo è fondamentale. Prendermi del tempo per imparare dagli esperti mi ha permesso di insegnare correttamente ai bambini in modo che potessero divertirsi di più. Proprio come nel calcio, i bambini si divertono di più se non perdono tutte le partite, nel baseball non si divertono nemmeno se non ottengono mai un colpo o perdono anche tutte le partite. La cosa triste è che eravamo molto migliori delle altre squadre in ciascuno dei tre anni in cui ho allenato che avremmo potuto giocare in una fascia di età e gareggiare. Molti degli allenatori contro cui ho allenato sono andati nella stessa clinica di Bill Olsen che ho fatto, ma durante il riscaldamento ho potuto dire che non stavano facendo ciò che l’allenatore Olsen aveva suggerito di fare durante il riscaldamento, o come tenevano i guanti o come i loro interni hanno preso la loro posizione o come i loro battitori sono entrati nella loro posizione. O questi allenatori dormivano mentre l’allenatore Olsen parlava, o hanno semplicemente deciso di farlo a modo loro “migliore”. Ho deciso di farlo alla maniera di Coach Olsens e se non avesse funzionato, avrei fatto più ricerche e avrei apportato modifiche. Secondo me questi allenatori delle giovanili hanno davvero sminuito i loro giocatori, i nostri erano fondamentalmente più solidi, sembrava che ci allenassimo 5 giorni a settimana quando in realtà ci allenavamo molto meno di qualsiasi squadra del campionato e la maggior parte delle altre squadre aveva figli con esperienza nelle loro squadre.

Vai a guardare le altre squadre che si allenano nel tuo sport, vai in cliniche che insegnano argomenti per i giovani, chiedi a un allenatore di grande successo di essere il tuo mentore, la maggior parte è entusiasta che qualcuno si interessi abbastanza da voler imparare e abbia un’opinione abbastanza alta di loro da voler imparare da loro . I tuoi figli ne trarranno beneficio alla fine, il coaching è coaching, indipendentemente dallo sport.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *