Allora perché mi rado le gambe? Spiritualità in forma di rasoio

La fattoria in Cornovaglia intorno al 1972

Quando andavamo in vacanza andavamo sempre in Cornovaglia, nel sud-ovest del Regno Unito. Mio padre odiava la macchina, infatti ci ha fatto lasciare Londra alle 3 del mattino per evitare il traffico.

La Cornovaglia è una delle zone più selvagge e visivamente romantiche dell’Inghilterra, non abbiamo le montagne della Scozia e del Galles ma abbiamo le brughiere spazzate dal vento, che scendono verso un mare selvaggio (per noi) e tempestoso.

La seconda notte che eravamo al cottage sono andato in bagno e ho visto il rasoio da barba di mio padre seduto sul lavandino. Non ho idea del perché, ma l’ho raccolto e mi sono rasato i peli dagli stinchi e da sotto le braccia.

So che molte donne lo fanno, ma le mie uniche due modelle femminili – mamma e nonna – non si erano mai rasate un baffo in vita loro, infatti è stato un vero shock per loro che ho sentito il bisogno di fare qualcosa di simile totalmente pazzo. Tutto quello che posso dirti è che mi sembrava sbagliato avere quei peli sul corpo. Semplicemente non mi sembrava.

Ovviamente all’epoca me ne sono accorto molto poco, l’unico ricordo che colpisce è mia madre che mi compra dei rasoi economici per impedirmi di smussare le lamette di papà. Perché i capelli delle donne smussano le lamette più velocemente della barba maschile? Uno degli imponderabili sconosciuti della vita, immagino.

Da quel giorno in poi fino ad oggi, 43 anni dopo, mi rado ancora gli stinchi e le ascelle, e mi sembra del tutto giusto farlo.

L’altro giorno il ricordo è spuntato nella mia mente e mentre stavo meditando hanno iniziato a formarsi dei legami con la filosofia che abbraccio – che siamo stati tutti qui prima e che siamo uno spirito che ha un’esistenza umana.

Anche se può suonare come una cosa molto piccola, poco degna di un articolo, mi ha colpito quanto fosse importante che qualcosa di culturalmente estraneo a me fosse così completamente naturale e giusto. Allora cosa ha spinto la decisione improvvisa?

Potevo solo dare una spiegazione. Che avevo, in un altro momento, vissuto in una cultura in cui radersi i peli del corpo era una pratica normale.

Non so cosa ne pensi, ma nella ricerca di spiritualità e connessioni spirituali è bello guardare la persona che sei e chiederti quanto di te viene dalle persone e dalle influenze intorno a te? Sei interamente un prodotto del tuo passato e del tuo pool genetico, o c’è un aspetto di te che, come me, è emerso completamente formato apparentemente da solo?

Fa riflettere interessanti nella ricerca del senso della vita e dell’esistenza, anche se è generata dai peli delle gambe.

O è spiritualità dall’ascella?

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *