Coltivare relazioni e partnership

Cittadini privati, imprese, parti interessate e gruppi di interesse speciale, altri enti governativi/pubblici e numerosi altri svolgono un ruolo fondamentale nella costruzione e nel sostegno di comunità sane e vivaci.

È una logica semplice, più persone predicano lo stesso messaggio, più è facile ottenere il sostegno del pubblico; attuare cambiamenti positivi e sostenere comunità vivaci. In particolare nell’era dei social media è assolutamente fondamentale stabilire costantemente nuove relazioni e partnership, nonché coltivare quelle esistenti. Coltivare una relazione o una partnership richiede una comunicazione bidirezionale regolare e la creazione di fiducia nel tempo. Se ti viene data l’opportunità di stabilire una nuova partnership o migliorare le relazioni esistenti, partecipando a una conferenza o a un evento di networking informale, parlando con un gruppo di stakeholder, capitalizza quando puoi perché non sai mai dove potrebbe portare e quanto possano essere preziose e necessarie queste partnership ad un certo punto in futuro.

Trasformare gli avversari in alleati

Nel corso della storia ci sono numerosi esempi di individui nel settore pubblico che hanno trasformato avversari o potenziali avversari in alleati. Abraham Lincoln era un maestro nello stabilire partnership e ha avuto un successo incredibile nel farlo non bruciando ponti. Ha applicato il principio di mantenere vicini i tuoi nemici e costruire alleanze invece di avversari. Dopo aver vinto le sue prime elezioni presidenziali, Lincoln riempì il suo gabinetto di rivali politici e personalità forti. Era anche estremamente esperto nell’utilizzare questi individui come risorse comprendendo l’importante ruolo svolto da ciascuno nel presentare un fronte unito e come potevano sostenere diversi gruppi per suo conto durante uno dei periodi più turbolenti nella storia della nostra nazione.

Utilizzo e creazione di partnership con i media

Un individuo che ha abbracciato i media come una risorsa che potrebbe essere utilizzata a suo vantaggio è stato Theodore Roosevelt. All’inizio del secolo gli Stati Uniti stavano vivendo un “impeto di crescita” e affermando la loro posizione di potenza industriale. Tuttavia, con il progresso arrivano i “dolori della crescita” e mentre i media erano certamente una risorsa, erano anche un cane da guardia sociale. I giornalisti hanno approfondito ciò che oggi conosciamo come reportage investigativo e hanno esposto alcuni dei mali derivati ​​dall’industrializzazione: monopoli commerciali; “offerte back-door”; condizioni di lavoro pericolose e deplorevoli e pratiche di lavoro sleali. Pertanto, mentre i media possono anche essere un partner efficace, è importante rimanere vigili; rispetta il potere della stampa e ricorda che la percezione è realtà. Nel settore pubblico questo è particolarmente importante perché ti viene affidato l’uso responsabile dei fondi pubblici fornendo contemporaneamente i servizi necessari a coloro che servi.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *