Come misuri il successo

Era il gennaio del 1962 quando Barnsley P. Wentworth III disse a suo padre che non sarebbe diventato un medico: sarebbe diventato un clown. Senza esitare suo padre rispose: “Allora non ammonterai mai a nulla. Considerati un fallito”. Quello fu il momento in cui Barnsley P. Wentworth III cadde dalla grazia di suo padre, cambiò il suo nome in Juggles e divenne un clown. Era la sua gioia più grande. Era la sua più grande passione. E non ha mai guadagnato più di 50 dollari a lavoro.

Era un caldo pomeriggio di luglio e Juggles stava tornando al suo hotel dopo aver lavorato tutto il giorno a una fiera della contea, quando ha preso una svolta sbagliata in un parcheggio per roulotte e ha visto la cassetta delle lettere ricoperta di palloncini, il biglietto da visita della festa di compleanno di un bambino . Rimase seduto per un momento, guardò l’orologio, scosse la testa, sospirò e sorrise da un orecchio all’altro mentre si rimetteva il naso di gomma e saltava fuori dall’auto. Vide una testolina rossa che sbirciava attraverso la tenda a fiori seguita da strilli penetranti quando la porta si spalancò e i bambini si precipitarono verso di lui come cuccioli eccitati che cercano cibo. Non avrebbe mai dimenticato quel suono o lo sguardo scioccato sul viso della madre mentre sussurrava grazie e ricominciava a crederci. O la pura adorazione sul viso del festeggiato quando Juggles ha firmato il suo gesso e ha giurato solennemente di non lavarsi mai più il braccio mentre abbracciava la gamba a strisce di Juggles e quel momento è stato impresso nella sua memoria mentre sussurrava grazie e ricominciava a credere.

Juggles non ha mai smesso di essere un clown. Giorno dopo giorno. È rimasto il suo sogno ed è rimasta la sua passione. Anche quando i suoi capelli cadevano ed era troppo debole per suonare il clacson, anche dal suo letto, quando i piccoli fan rimasti dovevano venire da lui. Era il marzo del 1998 quando Juggles morì, con indosso un grosso naso rosso e un sorriso soddisfatto. Non ha mai guadagnato più di 50 dollari a lavoro.

Come misuri il successo?

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *