Da una ciliegia alla tazza: la vita e il viaggio dei chicchi di caffè

Ti siedi al tuo bar locale, sorseggia il tuo latte macchiato o la birra nera e ti rilassi. Ma ti sei mai chiesto come mai Joe sia arrivato alla tua tazza? Il caffè gourmet tostato fresco non appare solo! C’è un viaggio qui. Prima che un torrefattore possa vendere caffè all’ingrosso a qualsiasi bar per prepararne una tazza, devono succedere molte cose. Goditi il ​​viaggio!

Una pianta del caffè produce un frutto che chiamiamo ciliegia. Questi sono piccoli, come bacche e diventano rosso vivo quando sono maturi, pronti per la raccolta. La buccia è spessa e amara ma il frutto sottostante è estremamente dolce. La sua consistenza è simile a quella dell’uva. Poi c’è uno strato viscido che viene dopo per aiutare a proteggere il fagiolo. I fagioli all’interno sono ricoperti da un altro strato che protegge le due metà che sono ricoperte da un ultimo strato chiamato buccia d’argento. Sì, un sacco di strati! È qui che troviamo i chicchi di caffè verde crudo.

Ogni anno il caffè viene raccolto durante la stagione secca quando le ciliegie sono di colore rosso brillante, lucide e sode. Il periodo effettivo dell’anno varia in base al paese di origine (in realtà la zona geografica determina quando). Tuttavia, in generale, il nord dell’equatore raccoglie tra settembre e marzo e il sud dell’equatore raccoglie aprile e maggio. Le ciliegie mature possono essere raccolte tramite raccolta selettiva; che viene raccolto a mano. Possono essere raccolte anche con il metodo dello stripping; che viene strappato dall’albero con fagioli sia acerbi che troppo maturi. Infine, alcuni agricoltori utilizzano una mietitrice. Raccogliendo a mano i chicchi di caffè maturi dall’albero lascerà le ciliegie di caffè acerbe. Questo è il modo migliore per raccogliere il caffè e massimizzerà la quantità di caffè maturo. Il resto verrà lasciato sull’albero per essere raccolto in un secondo momento. Questo è anche il modo più dispendioso in termini di tempo e manodopera per la raccolta, quindi non tutti gli agricoltori lo fanno.

L’elaborazione avviene successivamente. Il chicco deve essere rimosso dalla ciliegia e ciò avviene in un paio di modi a seconda del paese di origine. Il processo a umido è il processo in cui il frutto viene rimosso dai semi (fagioli) prima sono essiccati. Il metodo del processo a umido è anche chiamato caffè lavato. In questo metodo il frutto viene rimosso in acqua. I chicchi di caffè possono essere essiccati al sole o con la macchina, ma nella maggior parte dei casi vengono essiccati su patii al sole.

Il processo a secco è anche noto come processo non lavato o naturale. È il metodo più antico di lavorazione del caffè dove l’intera ciliegia viene pulita e poi posta al sole ad asciugare sui tavoli o a strati sottili sui patii, completamente intatta e la ciliegia essiccata viene rimossa dopo si è asciugato. Ogni metodo conferisce un profilo aromatico distinto al gusto finale del caffè.

Prima che chiunque possa acquistare i chicchi di caffè verde, tuttavia, le ciliegie vengono rastrellate o girate a mano mentre si asciugano per garantire un’essiccazione uniforme e prevenire la formazione di muffa. A volte ci vogliono fino a 4 settimane prima che le ciliegie vengano essiccate al contenuto di umidità ottimale. Ovviamente tutto questo dipende da Madre Natura. L’essiccazione a macchina viene talvolta utilizzata nelle piantagioni più grandi per accelerare il processo. Questo di solito viene fatto dopo che il caffè è stato pre-essiccato al sole per alcuni giorni.

Il metodo a secco viene utilizzato per la maggior parte dei chicchi di caffè Arabica prodotti in Brasile. La maggior parte dei caffè prodotti in Etiopia e in India utilizza anche il metodo secco. Nelle zone piovose, tuttavia, non è pratico.

Esiste anche un altro metodo utilizzato principalmente in Brasile, ma utilizzato anche in alcune fattorie di Sulawesi, Indonesia e Sumatra. Questi sono conosciuti come caffè lavorato semi-secco (noto anche come processo naturale e semi-umido macinato). Il caffè si prepara eliminando la buccia esterna della ciliegia e asciugando il caffè con la mucillagine collosa e le bucce interne ancora aderenti al chicco. Questo processo semi-secco è quello che puoi chiamare un processo “ibrido”.

Durante il processo di mondatura, le macchine vengono utilizzate per rimuovere lo strato di pergamena della pelle dal caffè lavorato a umido. La mondatura del caffè lavorato a secco rimuove tutte le ciliegie essiccate. Ricorda, durante il processo di essiccazione i fagioli vengono essiccati intatti con l’intera ciliegia intatta.

La lucidatura è facoltativa ma rimuove la maggior parte della pelle argentata che rimane sui chicchi di caffè verde dopo la mondatura. Il processo di tostatura riscalda l’eventuale pelle d’argento rimasta (pula) e la stacca letteralmente nella camera di tostatura e viene raccolta nel raccoglitore di pula. Tuttavia, non tutto il caffè verde è lucido. Secondo la mia esperienza, il caffè non lucidato ha un profilo aromatico molto migliore di quello lucidato, che è più un caffè prodotto meccanicamente.

Tuttavia, prima che qualsiasi caffè venga esportato o venduto, è necessario che avvenga la cernita e la cernita. I chicchi di caffè saranno ordinati per dimensione e peso. Ogni chicco sarà valutato anche per difetti come colore, scheggiature e altre imperfezioni.

Alcuni caffè di alta qualità possono essere lavati a mano due volte, chiamati “doppio raccolto” o anche tre volte. Quest’ultimo è chiamato “triplo raccolto”. La maggior parte dei caffè speciali viene pulita e smistata in questo modo. Lo smistamento dei colori può essere effettuato anche dalle macchine, ma sono molto costose. Tuttavia, la cernita manuale del caffè fornisce il lavoro tanto necessario alle piccole comunità rurali.

A questo punto, il caffè viene esportato agli acquirenti e rivenduto dagli intermediari o tostato dai torrefattori. Il torrefattore vende quindi il caffè all’ingrosso ai fornitori e arriva a te tramite la caffetteria o il supermercato del tuo quartiere. Non ho mai pensato che fosse così complesso ora, vero? La prossima volta che sorseggi un caffè gourmet tostato fresco, pensa al viaggio del chicco di caffè. Apprezzerai molto di più la tua correzione!

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *