Gestione dell’innovazione – Isolare i problemi e implementare soluzioni

La creatività può essere definita come l’identificazione di problemi e la generazione di idee, mentre l’innovazione può essere definita come la selezione, lo sviluppo e la commercializzazione di idee.

Ci sono altre definizioni utili in questo campo, ad esempio, la creatività può essere definita come costituita da un numero di idee, un numero di idee diverse e un numero di idee nuove.

Esistono processi distinti che migliorano l’identificazione del problema e la generazione di idee e, allo stesso modo, processi distinti che migliorano la selezione, lo sviluppo e la commercializzazione delle idee. Anche se non esiste una via di fuoco sicura verso il successo commerciale, questi processi aumentano la probabilità che le buone idee vengano generate e selezionate e che gli investimenti nello sviluppo e nella commercializzazione di tali idee non vengano sprecati.

Isolare i problemi e implementare soluzioni

Le cinque fasi precedenti sono separate e distinte, ma a volte si ha la sensazione che ci sia più di una sovrapposizione di quanto non ci sia in realtà:

a) L’identificazione del problema è proprio questo. Ma richiede un’ampia varietà di individui per prendere buone decisioni. Ad esempio, gli utenti finali vedono i problemi in modo diverso dalle vendite, che vedono i problemi in modo diverso da tecnici e designer, che a loro volta vedono i problemi in modo diverso dalle vendite e dal marketing, che vedono i problemi in modo diverso dalla finanza e dagli strateghi, che vedono i problemi in modo diverso dai responsabili del magazzino, ecc.

b) Anche la generazione di idee è autoesplicativa, ma richiede un’ampia gamma di persone diverse e nuove per arrivare veramente a buone idee. E poi i leader non devono essere consapevoli della cultura organizzativa, della struttura, delle strutture del team e molto altro per ottimizzare le sessioni di generazione di idee.

c) La selezione delle idee, come sopra, richiede un’ampia gamma di persone diverse e nuove e una buona comprensione delle procedure di valutazione, poiché questo è davvero il primo filtro fino a quando questo gruppo di idee non si sposta nello sviluppo.

d) Lo sviluppo è spesso confuso con l’ultimo stadio, ma è separato. È qui che vengono scelte le idee che diventeranno programmi di sviluppo. The Economist (2003b) afferma che sono necessarie 3000 idee brillanti per 100 progetti utili, che a loro volta saranno ridotti a quattro programmi di sviluppo per nuovi prodotti. E quattro di questi programmi di sviluppo sono il minimo necessario per avere ogni possibilità di ottenere un vincitore.

e) La commercializzazione è la fase finale. Include strategia di marketing, design, strategie di prezzo e così via.

Questi e altri argomenti sono trattati in modo approfondito nella dissertazione MBA sulla gestione della creatività e dell’innovazione, che può essere acquistata (insieme a un Audit Creatività e Innovazione fai-da-te, Good Idea Generator Software e Power Point Presentation) da http://www.managing-creativity.com/

Puoi anche ricevere una newsletter regolare e gratuita inserendo il tuo indirizzo email su questo sito.

Kal Vescovo, MBA

***********************************

Sei libero di riprodurre questo articolo purché non vengano apportate modifiche e vengano mantenuti il ​​nome dell’autore e l’URL del sito.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *