I 5 elementi principali della degustazione di vini

La maggior parte di noi è totalmente inconsapevole di ciò che passa per la testa mentre degustiamo un vino. Lo beviamo semplicemente con un commento o due come “era un buon vino” o “troppo forte per me”. Ma come facciamo a sapere cosa stiamo effettivamente degustando o sperimentando quando il vino è stato degustato? Voglio presentarvi i cinque elementi principali da cercare in una degustazione di vini.

Il segreto per analizzare le complessità di un vino è comprendere appieno i seguenti cinque principi. Impara a concentrarti su ciascuno a turno durante la degustazione e in pochissimo tempo avrai gli strumenti analitici con cui completare una valutazione completa della qualità di qualsiasi vino.

  1. Secchezza/dolcezza – L’attributo più facile da notare è la quantità di zucchero naturale nel vino. A un’estremità dello spettro c’è un Chablis croccante e secco all’osso per un ricco e succulento Liquer Muscat all’altra, con una vasta gamma di stili nel mezzo.
  2. Acidità – Il vino contiene molti tipi diversi di acido, di cui il tartarico è il più importante. Questo acido tartarico è presente nel succo d’uva non fermentato. L’acidità o l’acutezza si fa sentire ai lati della lingua. Una buona acidità è fondamentale per un vino, contribuisce alla sensazione di freschezza di un vino giovane e aiuta nell’invecchiamento dei migliori vini. Tuttavia, in un’annata povera, quando l’uva non è maturata adeguatamente, il vino finale può apparire acido o molto piccante. Mentre in un’annata molto calda, se l’uva è stata lasciata surmaturare, il livello di acidità sarà molto basso risultando in un vino morbido che non potrà invecchiare, cioè va bevuto giovane. Secchezza e amarezza non devono essere confuse. Prendete un Sauternes molto dolce, e vi accorgerete che compensando lo zucchero ci sarà un’acidità sufficiente, e allo stesso modo uno sherry secco molto secco può spesso avere un basso contenuto di acidità.
  3. Tannino – Il tannino si trova nei vinaccioli e nei raspi dell’uva, e soprattutto nelle bucce. È dalle bucce che il vino rosso prende il colore, anche se le uve rosse contengono lo stesso colore della polpa delle loro controparti bianche. Il tannino in bocca darà una sensazione secca e pelosa provocando una sensazione di raggrinzimento, questo è ciò che rende molto difficile bere vini rossi giovani. Tuttavia, scomparirà gradualmente con la maturazione del vino.
  4. Quercia – I produttori di vino possono influenzare i sapori di rovere nei loro vini se lo desiderano. Questo può essere fatto facendo fermentare il vino in botti di rovere o semplicemente invecchiandole per un periodo più breve prima dell’imbottigliamento. Il sapore conferito al vino dal contatto con il legno è facile da apprezzare, soprattutto con i bianchi. Un aroma di vaniglia, cannella o noce moscata nel vino sarà il primo indicatore della presenza di quercia. Con un vino rosso, il palato avrà una sensazione di morbidezza cremosa che esce da una leggera botte carbonizzata. Tuttavia, se la canna fosse stata pesantemente carbonizzata, ci sarebbe stata una notevole fumosità come pane tostato bruciato.
  5. Frutta – Rilevare diversi sapori di frutta in un vino diventa un’abilità una volta che hai imparato i principi della degustazione, la pratica lo renderà perfetto in pochissimo tempo. Presto paragonerai i sapori di frutta nel vino a lamponi, frutto della passione, litchi, fiori di sambuco, agrumi e così via: la lista è infinita e si basa sulla tua memoria di sapori esperti. Ci sono valide ragioni biochimiche per cui i vini assomigliano ai sapori di altri cibi, quindi lascia che la tua immaginazione scappi ogni volta che li assaggi. I deliziosi sapori di frutta sono tra le caratteristiche più desiderabili che un vino può possedere.

Impara i cinque elementi principali della degustazione e migliora il tuo apprezzamento generale del vino. Si riduce davvero a – “più sai, più desideri e migliore è l’esperienza”.

La conoscenza del vino può creare dipendenza quando ti imbarchi nel grande percorso di degustazione. Goditi il ​​viaggio!

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *