I responsabili IT devono svolgere il ruolo di allenatore se vogliono vincere la partita

I responsabili IT capiscono che sono responsabili di condurre valutazioni delle prestazioni con il loro team ogni tanto. Ciò di cui molti responsabili IT non si rendono conto è che sono anche responsabili di ciò che verrà dopo: il coaching…

Che cos’è il coaching e perché devi farlo?

Il coaching non è gestire. Invece, è un’attività a doppio senso in cui lavori con i membri del tuo team per aiutarli a migliorare in un modo molto specifico.

Le tue attività di coaching si basano su un obiettivo che un membro della tua squadra vuole raggiungere. Questo obiettivo è stato identificato durante la revisione delle prestazioni del dipendente; tuttavia, come loro manager, ti rendi conto che non saranno in grado di raggiungere questo obiettivo da soli.

È qui che entra in gioco il coaching. Quando sei impegnato nel coaching, condividi le tue esperienze e conoscenze con i tuoi dipendenti per mostrare loro come possono raggiungere il loro obiettivo. Una parte fondamentale del coaching è che il dipendente deve voler essere istruito: non puoi mai costringere qualcuno ad accettare il tuo input di coaching.

I vantaggi del coaching se fatto correttamente sono immensi. La soddisfazione e la motivazione sul lavoro di un dipendente possono salire alle stelle quando sentono di ricevere attenzioni personalizzate da te. Inoltre, trascorrendo il tempo con un dipendente che li istruisce, potresti prepararli ad assumersi responsabilità di gestione in seguito.

In che modo un responsabile IT istruisce il proprio personale?

Il primo passo per iniziare a istruire un dipendente è prendersi il tempo per osservare le sue azioni. L’obiettivo di farlo è permetterti di capire quali punti di forza e di debolezza hanno attualmente.

Dovresti anche guardare attentamente come interagiscono con i loro colleghi. Anche prendere da parte alcuni di questi colleghi e scoprire cosa pensano del dipendente che verrà istruito può rivelare spunti importanti.

Il tuo prossimo passo deve essere quello di sederti e discutere con il dipendente. Lo scopo di questa discussione sarà condividere con loro i risultati delle vostre osservazioni.

Devi fare attenzione per assicurarti che tutto ciò che dici sia basato su ciò che hai visto. Ti consigliamo di descrivere i comportamenti che hai visto e quali sono stati i loro impatti.

Durante questo tipo di discussione, ciò che ascolterai dal dipendente sarà più importante di ciò che dici. Devi lavorare con molta attenzione per essere un ascoltatore attivo.

Quando sei un ascoltatore attivo, devi mantenere il contatto visivo con il dipendente e ripetere ciò che ha appena detto per assicurarti di ascoltarlo correttamente. Questi tipi di comportamenti mostreranno al dipendente che sei interessato a ciò che ha da dire.

Durante una sessione di coaching devi anche porre le domande giuste. Facendo domande, stai dimostrando al dipendente che sei interessato a ciò che ha da dire e desideri maggiori informazioni da lui.

Quando fai una domanda, vuoi porre una domanda aperta. Questo tipo di domanda non può essere risolta con un semplice “sì” o “no” – richiede una risposta più dettagliata da parte del tuo dipendente.

Infine, il risultato di ogni sessione di coaching deve essere un piano d’azione. Questo è un piano che tu e il dipendente escogitate che consentirà loro di raggiungere il loro obiettivo. Questo tipo di piano non deve sempre essere scritto, ma dovrebbe essere creato dal dipendente e dovrebbe contenere obiettivi chiari e un lasso di tempo concordato da entrambi.

Cosa significa tutto questo per te?

I buoni responsabili IT comprendono che la loro responsabilità di sviluppare il proprio personale include il coaching dei membri del team che hanno bisogno di ulteriore assistenza per migliorare. Prendendo il tempo per istruire i membri del team, i manager IT possono aiutarli sia a migliorare le loro prestazioni lavorative sia ad aumentare la loro soddisfazione sul lavoro.

Per essere un coach efficace, un manager IT deve iniziare prendendo il tempo necessario per osservare ciò che il dipendente sta facendo correttamente e dove sono necessari miglioramenti. Successivamente, discutere di ciò che deve essere fatto con il dipendente e fare un buon lavoro di ascolto è ciò che consentirà di creare un piano d’azione. Infine, il coaching può verificarsi quando utilizzi le informazioni che hai raccolto per offrire un feedback costruttivo.

Il coaching è una delle attività più importanti che farai come manager IT. Prenditi il ​​tempo per studiare come farlo bene e avrai sviluppato le abilità di cui hai bisogno per trasformare una buona squadra in una grande squadra.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *