Il romanticismo del turismo vitivinicolo

Enoturismo sembra essere la nuova parola d’ordine nel momento in cui si parla di visitare un’azienda per divertimento. In realtà vogliamo solo andarci per assaggiare il vino e vivere l’atmosfera, e magari mangiare qualcosa.

Allora, perché tutto questo ‘turismo enogastronomico’? Bene, guardalo dal punto di vista delle cantine. Tu, e milioni di persone come te, siete il pane quotidiano di queste aziende amichevoli – ovviamente insieme alle loro vendite di vino – hanno BISOGNO di te tanto quanto desideri per visitarle.

L’industria del vino ha molto da offrire oltre alla semplice produzione di vini, ed è per questo che la parola “turismo” viene etichettata accanto. Si formano vaste sottoindustrie, quando le aziende vinicole aggiungono aree di interesse al loro arsenale di vini esistente in quanto ora offrono al pubblico. Queste aree comprendono tour, degustazioni, wine club, ristoranti e persino cerimonie nuziali, il tutto all’interno e intorno all’azienda stessa.

Con così tante aziende vinicole di altissima qualità che producono ottimi vini in tutto il mondo, commercializzare il loro prodotto è l’obiettivo numero uno. Quindi, oltre a vendere vini alle multinazionali a prezzi scontati, hanno una buona opportunità – proprio alla loro backdoor – di ottenere un prezzo migliore, oltre a creare quel tanto importante ‘rapporto’ con il cliente.

Sappiamo tutti che vigneti e cantine sono luoghi romantici, da quei numerosi film che descrivono lo stile di vita sexy. Ma in realtà, essendo stato nella posizione privilegiata di gestire un vigneto e una cantina, tutto ciò che posso dire è che è un ambiente meraviglioso in cui trovarsi – ma con tutto il lavoro richiesto – difficilmente sexy o addirittura romantico. Scusa se ti ho illuso!

Ma una cantina è un must da visitare per vivere la bellezza dei vigneti curati in un ambiente tranquillo e degustare una dozzina di vini o più.

Ecco alcuni suggerimenti che darei quando visiti un’azienda vinicola:

  1. Sii entusiasta come ascoltatore, perché ti posso garantire che l’enologo o altro esperto che parlerà con te sarà molto entusiasta.

  2. Sii attento e mostra che sei veramente interessato, così imparerai molto dal tour.

  3. La tua guida spiegherà l’intero processo di vinificazione dall’inizio alla fine. Se sei un enologo amatoriale, puoi raccogliere suggerimenti e idee e non aver paura di fare domande. Avere un’interazione rende più divertente per tutti i membri del gruppo del tour e tutti voi otterrete di più dall’esperienza.

  4. Scopri come vengono lavorate le uve e perché un’azienda vinicola si affida così tanto a un buon laboratorio.

  5. Guarda le apparecchiature coinvolte, dalle pompe ai serbatoi di stoccaggio e tutto il resto. Noterai che molte cose sono fatte di acciaio inossidabile, dove è coinvolto il vino bianco, perché è igienicamente il migliore, oltre ad essere forte ed esteticamente bello.

  6. Il tour proseguirà raccontandoti i lieviti e la fermentazione, la filtrazione e l’imbottigliamento identificando tutte le attrezzature utilizzate per ogni processo. Dopo l’imbottigliamento, le bottiglie di vino verranno etichettate, sempre utilizzando un’apposita macchina.

  7. Se si produce vino rosso, probabilmente ti imbatterai in una cantina di botti. Scopri come le diverse querce utilizzate per produrre le botti possono cambiare radicalmente il carattere generale del vino rosso.

  8. Alla fine avrete sentito parlare molto vino, come lo chiamiamo noi. Tutte quelle parole come ‘chaptalizing’, ‘fecce’ e ‘malo’ o ‘fruttato’, ‘floreale’, ‘fresco’ o ‘volpe’.

  9. Poi arriva la parte migliore, dove puoi degustare il vino, fare domande e dare la tua opinione cercando di non sembrare troppo intimidito. Più vini assaggerai, migliore sarà il tuo palato.
    Per degustare correttamente un vino: a) prendi il bicchiere saldamente per lo stelo, poi b) fai roteare il vino con un movimento circolare – questo aiuta a rilasciare gli aromi che il tuo naso può cogliere c) quindi annusa bene e profondamente per catturare l’essenza del sapore d) e ora il bit che stavi aspettando: fallo con stile. Assaggia il vino lentamente, analizza i sapori mentre lo fai scolare delicatamente in bocca prima di deglutire (o sputare se stai assaggiando molto di più!)

  10. Infine, divertiti a conoscere l’affascinante mondo del vino.

Intavolare quell’importante relazione tra consumatore e produttore è un affare a doppio senso, entrambi beneficiano senza la necessità di un intermediario. Quindi, ecco il continuo successo del turismo enogastronomico – romantico o meno, visitalo qualche volta, è un’esperienza fantastica.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *