Impact Investing: la tua azienda pagherà per il successo?

Pay for Success (PFS) è un nuovo meccanismo di finanziamento innovativo che viene utilizzato per finanziare progetti di benefici sociali con metriche di impatto di alta qualità. I progetti PFS stanno spuntando in ogni settore, dai senzatetto, all’assistenza sanitaria, all’istruzione. Nuovi modelli dimostrano che i progetti PFS possono essere utilizzati per stimolare gli investimenti in materie prime e lo sviluppo della forza lavoro. Che impatto avrà questo sul settore privato? La tua azienda pagherà per il successo?

Merci Peruviane:

Il Fondo comune per le materie prime ha presentato un Development Impact Bond (DIB) per modernizzare la produzione di cacao e caffè nella regione amazzonica del Perù, l’Ashaninka. Questo primo DIB permanente nel settore delle materie prime irrompe in una nuova frontiera delle possibilità Pay for Success (PFS).

I DIB seguono i principi fondamentali dei progetti PFS, ma sono caratterizzati da un pagatore finale di terze parti, piuttosto che da un governo. In questo caso, il Fondo comune per le materie prime ha accettato di rimborsare l’investitore, la Schmidt Family Foundation, una volta raggiunti con successo gli obiettivi prefissati.

Rainforest Foundation UK è il fornitore di servizi per il progetto e l’organizzazione ha già iniziato a sperimentare con varietà di caffè resistenti alla ruggine delle foglie. L’anno scorso, la malattia della ruggine delle foglie ha colpito quasi il 70% delle aree di produzione di caffè nell’Ashaninka.

Grazie al riconoscimento globale come merce di prim’ordine, il cacao peruviano ha registrato un sostanziale aumento della domanda tra i consumatori stranieri. Guidando l’offerta per soddisfare la domanda, i metodi di produzione del cacao più efficienti vengono implementati puntualmente.

Questo progetto peruviano di caffè e cacao solleva la questione se i DIB possano essere utilizzati per modernizzare altri tipi di produzione di materie prime. Un DIB potrebbe essere utilizzato per integrare le esportazioni di quinoa, mais e sale dalle Ande peruviane?

Tecnologia e acqua sostenibili:

Durante la conferenza sull’imprenditoria sociale alla UVA Pay for Success Conference, un partecipante ha sollevato la questione se i progetti PFS potessero essere utilizzati o meno per finanziare tecnologie sostenibili e conservazione dell’acqua. La possibilità esiste. Basato sul modello peruviano, un fondo per le materie prime della California potrebbe pagare un investitore quando un’organizzazione senza scopo di lucro produce un’adozione diffusa di metodi di semina sostenibili. Investiresti nella conservazione dell’acqua della California?

E il cambiamento climatico? Un fondo per l’energia pulita potrebbe pagare un investitore, a condizione che i fornitori di servizi diffondano l’adozione di tecnologie sostenibili. I progetti PFS riguardano l’allineamento degli interessi, quindi finché hai un problema, i partner e i risultati pagabili esistono possibilità PFS.

Imprenditorialità e Arte:

Per completare con successo un progetto PFS, hai bisogno di un fondo, un fiduciario e un fornitore di servizi senza scopo di lucro. I fondi di venture capital potrebbero fungere da pagatori finali, investendo in acceleratori di imprenditorialità senza scopo di lucro. Se l’acceleratore raggiunge una certa misura di successo, gli investitori privati, potenzialmente angeli ben collegati, verranno pagati. Il successo può essere misurato in base al numero di aziende che soddisfano un tasso di crescita prerequisito, un fatturato target o una metrica di impatto sociale.

Le aziende con doppia personalità giuridica con una filiale senza scopo di lucro possono essere in grado di sperimentare internamente il modello PFS. Village Capital, che consiste in un fondo senza scopo di lucro e autonomo, potrebbe essenzialmente strutturare un DIB interno. Se gli investitori privati ​​volessero investire nel non profit, potrebbero stipulare un accordo PFS con VilCap Investments.

Dal punto di vista degli acceleratori d’arte, potrebbero ridimensionare le loro operazioni con un progetto PFS, simile agli acceleratori di imprenditorialità. Se gli investitori d’arte volessero che il McGuffey Art Center espandesse il suo modello di cooperativa artistica, gli investitori potrebbero fornire denaro in anticipo e un fondo, anche il governo locale, potrebbe intervenire come pagatore finale. Questo modello PFS potrebbe essere facilmente sperimentato a Charlottesville, in Virginia, se gli investitori che sostengono l’arte si facciano avanti.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *