Ipnosi nascosta – Stimolazione e guida

L’ipnosi nascosta è un metodo per indurre la trance durante una normale conversazione. Ora, questo non significa che la persona si addormenterà improvvisamente e inizierà a recitare i tuoi comandi, piuttosto che sei in grado di inserire comandi nella tua lingua e guidare il soggetto verso la convinzione o il comportamento che desideri.

L’ipnosi segreta (conosciuta anche come colloquiale) si basa sul modello Milton. Questi sono i modelli linguistici del più grande ipnotizzatore clinico del 20° secolo Milton Erickson.

Richard Bandler e John Grinder hanno modellato le tecniche di Milton e le hanno incorporate nella Programmazione Neuro Linguistica (PNL). Questo è uno sfondo semplificato, ma si spera che ti dia un’idea delle origini dell’ipnosi segreta.

Quindi, la prima tecnica o modello è il ritmo e la guida. Per stimolazione intendiamo descrivere loro l’esperienza dei soggetti e per guida intendiamo guidare la loro esperienza.

Il ritmo deve essere composto da tre o più affermazioni sull’esperienza dei soggetti con cui non potrebbero discutere. Ecco un esempio: “Hai visitato questo blog, stai leggendo questo post e guardando lo schermo…”

Se una persona si trovava in un bar, potrebbe essere “Sei venuto al bar e sei qui, ad ascoltarmi…”. Si spera che tu abbia un’idea, devono essere descrizioni che sono verità assolute e non descrizioni che hai ottenuto attraverso la lettura della mente, ad esempio sei rilassato e stai pensando…” A meno che il soggetto non ti abbia descritto direttamente la sua esperienza in precedenza.

Dopo le tre dichiarazioni di stimolazione, arriva la dichiarazione principale. Questo è il comando, la direzione in cui vuoi che vada la loro mente. Il principio è che dopo aver concordato inconsciamente con le tre affermazioni di stimolazione, la loro resistenza è diminuita ed è più probabile che siano d’accordo con l’affermazione principale. “Sei venuto al bar e sei qui in piedi, ad ascoltarmi… e forse inizierai a chiederti [insert command]

L’arte consiste nel rendere le affermazioni il più naturali e colloquiali possibile, nel descrivere l’esperienza in particolare può spesso sembrare robotica se non eseguita correttamente.

Questo è tutto per la prima tecnica, le applicazioni sono praticamente illimitate. Ora che sei stato qui, hai letto questo post e hai pensato all’ipnosi segreta, forse deciderai di saperne di più!

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *