La bufala della legge di attrazione

Per un po’, volevo “togliere questo dal mio sistema”. In quanto tale, questo articolo potrebbe suonare un po’ come uno “sbraitare” e potrebbe far innervosire alcune persone. Da un lato, la mia intenzione non è quella di provocare alcun malcontento; d’altra parte, se provoca malcontento, sono grato di averti dato qualcosa di più profondo da considerare.

In realtà, da quasi tre anni a questa parte mi ricordavo di tanto in tanto l’apparente incoerenza di chiamare la Legge di Attrazione una “Legge”. Se è una legge come la gravità, perché sembra funzionare per alcune persone e non per altre?

Alcuni insegnanti hanno tentato di conciliare questo dicendo che ha a che fare con ciò in cui credi, sia consciamente che inconsciamente. Suggeriscono che se dovessi allineare sia le tue convinzioni consce che quelle subconsce con ciò che vuoi attrarre, allora lo attirerai come per magia.

Suona bene, vero?

La mia intenzione non è quella di criticare altri approcci alla manifestazione, ma piuttosto di mettere in discussione le incongruenze. Perché la Legge di Gravità non ci richiede di cambiare le nostre convinzioni subconsce, ma la Legge di Attrazione sì?

Altre “leggi spirituali” non richiedono nemmeno cambiamenti delle convinzioni subconscie per vedere facilmente la relazione di causa ed effetto: legge delle scelte, legge dell’azione, legge dell’equilibrio, legge dell’integrità, legge della compassione… solo per citarne alcune.

Nessuno di loro richiede di cambiare le tue convinzioni subconsce per vedere i risultati. Richiedono solo di essere consapevoli che esistono e prestare attenzione a come si manifestano (parola interessante, eh?) nella tua vita quando agisci in linea con loro. Allora perché dobbiamo cambiare le nostre convinzioni affinché la “Legge di attrazione” funzioni?

Oggi cercherò di rispondere a questa domanda. Prima però, voglio dire che uso volentieri il termine “Legge di attrazione” perché è un modo semplice per comunicare un’idea semplice che è diventata mainstream, e quell’idea è questa:

Quando viviamo nella consapevolezza cosciente, possiamo sperimentare la vita nel modo in cui vogliamo.

In altre parole possiamo manifestare ciò che vogliamo. La differenza però tra il mio approccio alla “Legge di Attrazione” rispetto ad altri è che non mi preoccupo tanto di manifestare “cose”. Mi concentro sulla manifestazione di esperienze – e più specificamente – esperienze interiori della nostra Vera Natura.

Gli insegnanti di Legge dell’Attrazione popolari dicono che per attirare le cose che vuoi, che si tratti di un’auto, una casa, una relazione, più soldi, ecc., devi prima aumentare la tua vibrazione per essere in allineamento con quello. Insegnanti più consapevoli arrivano al punto di dire che devi usare affermazioni per riprogrammare il tuo subconscio per garantire che i tuoi desideri consci non siano in conflitto con i tuoi desideri inconsci. Insegnanti ancora più consapevoli suggeriranno di non concentrarti sulle cose che “vuoi” e concentrarti invece su come le cose ti farebbero sentire.

Ad esempio, se vuoi l’auto, allora che cos’è l’auto che vuoi veramente? È la scarica di adrenalina? È la sensazione di successo o è sentirsi abbondanti? Quali sono i sentimenti inerenti a una relazione significativa che desideri? Connessione, intimità, giocosità, impegno, gioia?

In altre parole, dicono che per ottenere ciò che vuoi devi prima sentirti come se lo avessi già. Alcune persone dicono che devi davvero credere di “meritarlo” e “credere che accadrà” anche quando le probabilità sembrano scarse.

Non so voi, ma io preferisco la Legge di Gravità. Lascia cadere qualcosa. Guardalo cadere. Sì, la legge funziona! Perché la “Legge di Attrazione” non può essere così semplice?

La mia esperienza è che può essere. In effetti, lo è… semplicemente non lo riconosciamo come tale. Troppi insegnanti si sono concentrati sull’aspetto “ottenere roba” della manifestazione -perché questo è ciò che vende prodotti, libri e seminari- che hanno trascurato cosa sia veramente la manifestazione.

Vivere la tua vera natura.

Perché indicare le “cose” quando possiamo indicare noi stessi?

La mia convinzione è che tutti noi vogliamo manifestare solo una cosa fondamentale: essere completamente e totalmente d’accordo con le nostre vite. La maggior parte di noi proietta nel mondo ciò di cui pensiamo di aver bisogno per farlo accadere. Diciamo “Se solo avessi più soldi, una casa più grande, una relazione migliore, allora sarò in grado di rilassarmi”. Ma cosa accadrebbe se imparassimo ad essere felici ora senza tutta quella roba? Se ciò fosse vero, allora tutte le “cose ​​del mondo” diventerebbero la ciliegina sulla torta metaforica. Quindi non si tratterebbe di “cambiare la nostra vibrazione per ottenere ciò che vogliamo” ma invece di “diventare ciò che vogliamo perché abbiamo cambiato la nostra vibrazione”.

Il modo per manifestare le esperienze interiori che vogliamo è realizzare che le abbiamo già avute all’inizio. Vogliamo gioia, abbondanza, pace, felicità? Avevamo quelle qualità della Vera Natura da bambini, ma da qualche parte nella nostra vita abbiamo perso il contatto con quelle esperienze.

Quando si tratta di manifestazione, forza, coraggio e forza di volontà sono le qualità fondamentali di cui abbiamo bisogno per “manifestare” le cose nelle nostre vite. Senza la forza, non avvieremo l’azione. Senza il coraggio, rimarremo chiusi nella paura. Senza forza di volontà, non saremo in grado di rimanere saldi nei nostri sogni… soprattutto quando la vita diventa difficile.

La manifestazione non è scienza missilistica. Né è semplice come “Concepire, credere e agire”. Eppure è così semplice e allo stesso tempo può sembrare una scienza missilistica. Tutto quello che dobbiamo fare è scoprire le barriere subconscie che ognuno di noi ha per sperimentare la nostra Vera Natura – che è intrinsecamente abbondante indipendentemente da qualsiasi “roba” che potresti voler attirare nella tua vita.

Tuttavia, entrare nel nostro subconscio è sorprendentemente difficile. Molti insegnanti ti porteranno fuori strada dicendo che “le affermazioni sono sufficienti”. Per alcuni di loro, questo è effettivamente vero… Ho un grande apprezzamento per Marc Allen (autore di best-seller e fondatore dell’editore di libri New World Library) perché ha trasformato la sua vita usando poco più che affermazioni e letture accademiche.

Per la maggior parte delle persone, tuttavia, le affermazioni sono una lunga strada per trasformare le loro vite. Questo perché per tutta la nostra vita il nostro subconscio è stato riprogrammato in modi inefficienti e inefficaci, spesso senza il nostro consenso. Ci è voluta una vita per credere di avere un potenziale limitato… quindi una volta che diventiamo consapevoli del nostro potenziale illimitato, può sembrare una lunga strada da percorrere verso la trasformazione.

Questo è anche parte di dove sento che la “bufala” è quando si tratta della Legge di Attrazione. Viene posta troppa enfasi sull’affermazione della positività e sull’aumento delle vibrazioni in modo positivo, e non viene investita abbastanza energia per trasformare effettivamente il tuo subconscio. Alcuni insegnanti vorrebbero anche farti credere che se hai pensieri o sentimenti negativi stai sabotando la tua capacità di manifestare ciò che vuoi.

Ed è qui che si mette sottosopra.

Vedete, l’unico modo per vivere effettivamente in un’alta vibrazione positiva è trasformare le vostre convinzioni e sentimenti inconsci auto-sabotanti negativi. Sovrascriverli funzionerà solo per un po’, finché il tuo subconscio non li riporterà indietro e ti farà sabotare anche i tuoi migliori sforzi. I pensieri ei sentimenti negativi sono indicatori molto più efficaci per manifestarsi rispetto alle “cose”. Questo perché la negatività ti dice quali aspetti del tuo subconscio devono ancora essere trasformati, e quindi con gli strumenti giusti puoi trasformare permanentemente quelle convinzioni negative del subconscio in esperienze della tua abbondante Vera Natura.

Ora ecco dove diventa complicato…

Il tuo subconscio, e più specificamente l’aspetto “Critico interiore” del tuo subconscio, vuole mantenerti a tuo agio e piccolo. Non vuole che tu sperimenti l’abbondanza e non vuole che manifesti i tuoi sogni. Per la tua manifestazione di Critico Interiore c’è un pasticcio che ti metterà a disagio ed espansivo. Il tuo critico interiore avrà sempre qualcosa di scoraggiante da dire sulla tua capacità di manifestare finché non trasformerai il critico interiore stesso.

Non è un compito facile, però, perché pochi corpi di lavoro là fuori si concentrano su questo aspetto del nostro subconscio. Byron Katie non parla davvero della “Legge di attrazione”, ma aiuta le persone a manifestare la vita che vogliono veramente vivere. Usa un’altra parola per “Legge di attrazione” che è “Il lavoro”.

Questo è ciò che è veramente. La Legge di Attrazione sta lavorando sul tuo subconscio, portandolo alla luce, in modo che tu possa sperimentare sia il tuo subconscio che il conscio in allineamento con la tua Vera Natura. Quindi sì, gli insegnanti che dicono che devi allineare il tuo subconscio e conscio hanno ragione.

Non solo, ma prima ti ho portato in una direzione da boomerang quando ho detto che le altre leggi spirituali non richiedono che tu trasformi il tuo subconscio. Anche se non ti “richiedono” di trasformare il tuo subconscio per vedere i risultati di causa ed effetto nella tua vita, devi cambiare il tuo subconscio se vuoi che quei risultati rimangano permanentemente.

Ad esempio, se ti manca la capacità di agire (secondo la “Legge d’azione”), non è perché la tua mente conscia ti ha portato fuori strada… è perché il tuo Critico Interiore ti ha inconsciamente fatto credere che lo farai sii più a tuo agio se non agisci. E anche se sei il miglior attore al mondo, se il tuo critico interiore sta sabotando silenziosamente la tua forza di volontà, raramente finirai ciò che hai iniziato.

La bellezza delle leggi spirituali è che finché si intraprendono azioni in allineamento con la legge, si vedranno i risultati attesi. Se agisci in linea con la Legge dell’Azione, vedrai i risultati nella tua vita. Nel tempo, il tuo subconscio viene naturalmente trasformato dalla costante abitudine di agire, e in questo modo stai usando la formula “input uguale output” per trasformare la tua vita e il tuo subconscio.

Tuttavia, è una strada lunga e lenta che richiede molta fede e tentativi ed errori. Ha anche un avvertimento: se non stai agendo nei modi che espandono anche le tue altre qualità della Vera Natura, anche i tuoi migliori sforzi (come agire) saranno sabotati dalla tua mancanza di volontà di “attenersi ad essa. ” In altre parole, concentrarsi solo sulle affermazioni e agire è in realtà la strada più lenta per trasformare la tua vita.

Ecco perché, secondo la mia esperienza, il percorso più rapido per manifestarsi è concentrarsi sulla scoperta e lo sviluppo di qualità molto specifiche della mia Vera Natura. Qualità come forza, coraggio e forza di volontà mi permettono di andare avanti nella vita. Quindi posso concentrarmi su qualità come abbondanza, gioia e gratitudine per “alzare la mia vibrazione” in modo permanente e manifestare le esperienze interiori che sono veramente appaganti per me. Questa è la torta che voglio veramente e poi tutte le cose extra sono solo “ciliegina”.

Non fraintendermi… Sono sicuramente la ciliegina sulla torta (soprattutto la torta al cioccolato!), e proprio come vorresti sperimentare più abbondanza finanziaria e relazioni ancora più appaganti. La differenza è che non confondo la ciliegina con la torta. Quello che voglio è sperimentare pienamente la mia Vera Natura, e poi posso portarla con me, qualunque cosa faccia nella vita. Le cose andranno e verranno, ma la mia vera natura è qui per restare.

Il che mi riporta al punto di partenza… qual è la vera “bufala della legge di attrazione?”

È il suggerimento che ognuno di noi vuole manifestare qualcosa di diverso dalla nostra Vera Natura.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *