La leadership è la relazione

La leadership è una relazione continua tra leader e superiori, leader e colleghi, leader e consumatori, e in particolare tra leader e seguaci. Questa nozione intangibile che chiamiamo leadership il più delle volte si riferisce all’interazione del leader e del seguace. Questa interazione non dovrebbe essere pensata in termini di noi e loro. I follower sono alleati che si uniscono al leader e insieme creano la sinergia che guida le organizzazioni. “Poiché la relazione personale definisce la qualità esistente dell’interazione interpersonale tra il leader e gli aspiranti seguaci, i seguaci non si uniranno al leader senza la relazione richiesta. La leadership è la relazione”. (Bianco, 1995, p. 12).

I leader richiedono molte abilità nella gestione delle relazioni. Non solo follower, ma con tutte le parti interessate, inclusi superiori, colleghi e elettori esterni. “Il comportamento relazionale è la misura in cui il leader si impegna in una comunicazione a due o più vie. Comprende ascoltare, incoraggiare, facilitare, fornire chiarimenti e fornire supporto socio-emotivo”. (Bolman e Deal, 1997: 300). Lo scopo della relazione è dare a ogni persona l’opportunità di crescere e di contribuire al suo pieno potenziale e costruire punti di forza in mezzo alle differenze.

Vuoto, Warren. (1995). Le 9 leggi naturali della leadership. New York, New York: AMACOM Books.

Bolman, Lee G. e Deal, Terrence E. (1997). Riformulazione delle organizzazioni: abilità artistica, scelta e leadership. San Francisco, California: serie Jossey-Bass per l’istruzione superiore e per adulti.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *