La legge di attrazione e la ciotola del mendicante

Quando un mendicante sistema un posto sul marciapiede, troverai sempre una ciotola, un cappello o qualche altro contenitore davanti a lui. È così che le persone possono mettere le loro donazioni, impersonalmente, senza doverlo fare mano a mano. Questa ciotola crea una distanza emotiva tra la persona che dà e quella che riceve.

I mendicanti tendono a essere passivi, seduti sul ciglio della strada, aspettando che tu li noti, aspettando la tua improvvisa simpatia, aspettando che tu dia tutto ciò che ritieni sia appropriato. Aspettando che la vita accada loro.

I mendicanti, d’altra parte, sono una razza diversa perché sono più proattivi e mostrano più iniziativa. Sono specializzati nell’avvicinarsi e nel personale. Azione diretta, nessuna attesa. Ti guardano dritto negli occhi mentre ti raccontano la loro triste storia, risvegliano la tua simpatia e chiedono i tuoi soldi. E accettano il tuo aiuto direttamente dalla tua mano nella loro… niente ciotola del mendicante né tazza di latta per loro. I mendicanti, se sono bravi a tutti, prenderanno molti più soldi dei mendicanti, anche se tecnicamente sono entrambi mendicanti.

Negli anni ’80 circa, ricordo di aver letto di un uomo, Omar, che insegnava seminari per mendicanti. La sua studentessa di punta era una giovane donna poco più che ventenne. Era minuscola, sembrava avere circa 14 anni e girava per gli aeroporti. La sua specialità era avvicinare le coppie anziane e convincerle che era scappata di casa e aveva solo bisogno di $ 50 o $ 100 per tornare a casa dai suoi genitori. La maggior parte delle persone ha un cuore gentile e la ragazza guadagnava sei cifre all’anno, solo mendicando.

Allora qual è il mio punto qui?

Proprio questo: l’accattonaggio è esattamente come qualsiasi altro metodo per affrontare la vita. C’è chi preferisce aspettare passivamente, e c’è chi esce e chiede direttamente ciò che vuole. La differenza di efficacia tra questi due approcci è enorme.

Se hai una mentalità più convenzionale, probabilmente hai scelto qualcosa di diverso dall’accattonaggio (o mendicare). Probabilmente lavori o gestisci un’impresa, ma si applicano le stesse differenze. Coloro che aspettano “qualcosa che accada” ottengono gli avanzi, mentre le persone “esci e chiedilo” finiscono sempre con la parte del leone delle chicche.

E questo ci porta alla Legge di Attrazione.

Un amico una volta ha criticato: “Quella roba dell’Attrazione non è altro che l’accattonaggio travestito. Invece di sederti con una ciotola sul marciapiede, ti siedi di fronte all’Universo e speri che ti venga consegnato qualcosa gratuitamente , qualcosa per cui non hai lavorato, non hai guadagnato e non meriti.”

Bene, il mio amico ha completamente frainteso di cosa tratta il lavoro di Attrazione. Non è chiedere l’elemosina – e nemmeno mendicare – ma su una cosa ha ragione. Un atteggiamento di mendicare è assolutamente l’approccio sbagliato.

Ricordo di aver ascoltato le preghiere offerte dagli adulti quando ero giovane e ho imparato molto presto che chiedere aiuto a un potere superiore dovrebbe sempre assumere la forma dell’elemosina.

  • Per favore dammi _____
  • Per favore fermati _____
  • Per favore aiutami a smettere _____
  • Per favore, non lasciare che _____ faccia _____

A volte offriamo qualche tipo di scambio. “Se tu _______, allora non lo farò mai più (o sempre) _______.”

Tutto questo accattonaggio e baratto rivela un totale malinteso su ciò che riguarda il lavoro di attrazione (o la preghiera).

L’equivoco è che il potere di cambiare gli eventi e le condizioni è “là fuori” da qualche parte. Non è. Quel potere è intrinseco in noi stessi. Sta a noi comandare.

Non è nostro per chiedere l’elemosina, ma per comandare.

Non abbiamo sentito più e più volte che ciò che vogliamo esiste già (nel regno quantico del potenziale)? O che le nostre preghiere siano esaudite prima ancora di chiederle? Bene, o lo accettiamo o non lo accettiamo. E se lo facciamo, allora sappiamo già che tutto ciò che serve per realizzare ciò che desideriamo nella nostra vita è concentrarci su di esso in modo vivido e persistente, senza dubbio o preoccupazione. E chiedere l’elemosina è il modo peggiore in assoluto per farlo.

La verità è che siamo i proprietari di tutto ciò che immaginiamo. Siamo i proprietari di tutto ciò che desideriamo, in questo momento, prima ancora che diventi realtà. Quando eri un bambino e avevi fame, andavi al frigorifero e restavi a guardarlo malinconicamente, sperando che qualcuno vedesse la tua angoscia e ti passasse qualcosa? O sei semplicemente passato, hai aperto la porta e hai tirato fuori quello che volevi mangiare?

Quel cibo era tuo e avevi tutto il diritto di aiutare te stesso.

Naturalmente, ci si aspettava che tu usassi il buon senso nei tipi e nelle quantità di cibo che mangiavi, ma era tuo.

Allo stesso modo, anche tutto l’abbondanza del regno quantistico è tuo. Sta a te nominare e prendere.

In effetti, un buon modo per perdere quella mentalità da “accattonaggio” è pensare sempre al tuo lavoro di Attrazione come ad “accettare” ciò che già esiste in una forma potenziale – accettare ciò che è già tuo.

Quindi la prossima volta che fai il lavoro sulla Legge di Attrazione, descrivi chiaramente e vividamente ciò che desideri, poi sappi che esiste già, ha già il tuo nome sopra ed è pronto per te semplicemente per accettarlo (che è ciò che lo porta da il regno quantistico nel regno “fisico”.

Quell’atteggiamento di accettare ciò che già esiste ti dà molto più potere e controllo rispetto a preparare la ciotola di un mendicante.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *