La spirale aurea della coscienza – Ispirazione spirituale e illuminazione attraverso l’arte e la scienza

Fiore della vita e trascendenza spirituale    

La sezione aurea o spirale è una relazione unica esistente nell’universo tra il tutto e la parte ed è presente nella nostra coscienza da oltre 4000 anni. Dal rapporto aureo sorge la spirale aurea, la cui familiare forma a spirale può essere trovata ovunque in natura, come nella struttura del nostro DNA e nelle impronte digitali, nei girasoli e nelle conchiglie, nelle nuvole temporalesche e nei tornado. Anche una nebulosa a grappolo stellare come la Via Lattea. La spirale aurea, chiamata anche il fiore della vita, è un motivo vorticoso che si forma da un rettangolo che ha la sezione aurea. Ciò significa che: quando questo rettangolo è quadrato, lascia un rettangolo più piccolo dietro, e anche questo rettangolo più piccolo ha la stessa proporzione aurea dell’originale e quando questo è quadrato, questo lascia anche un rettangolo più piccolo dietro e questo continua fino a quando il le forme diventano così piccole che non puoi più vederle. In altre parole, va avanti per sempre.

Quando colleghi una curva attraverso gli angoli opposti di questi rettangoli concentrici, formi la spirale aurea e il fatto che si manifesti in molti modelli di crescita di piante, animali e persino intere galassie, ci fa chiedere se questa forma unica non sia il modello della vita. I principi della spirale aurea possono essere visti anche nella progettazione di edifici e architettura, oltre che nell’arte e nella letteratura. Le proporzioni auree si trovano nella musica e persino nella luce. I Greci, i Romani, gli Egizi e i Cinesi raffigurano tutti la sezione aurea nelle loro opere d’arte. Gli egizi furono probabilmente i primi a combinare la matematica con l’arte nella progettazione delle loro piramidi. Pitagora scoprì le proporzioni auree del corpo umano e questo è stato ritratto da artisti nel corso della storia dell’arte greca. Leonardo De Vinci ha trovato ispirazione nella matematica dell’arte e della natura ed è quasi certo di aver dipinto per conformarsi al rapporto aureo, in particolare le proporzioni stabilite nella Gioconda.

La letteratura può attingere al rapporto aureo nella struttura di parole, frasi, paragrafi, capitoli e immagini. Proprio come vediamo l’esistenza della spirale nelle nostre impronte digitali e nelle galassie e nella creazione di piramidi e dipinti, il rapporto aureo appare anche all’interno delle pagine di un libro, compreso il design della copertina, e questo può essere incredibilmente sbalorditivo per il lettore. Questo modello della natura può essere visto all’interno di molte forme d’arte e ha un effetto stimolante universalmente sulla mente. L’illuminazione può essere parte di questo schema: una comunicazione che connette la coscienza attraverso il linguaggio dell’Universo.

Considera l’anima come un ponte tra la tua mente e l’essenza intangibile del tuo spirito, e che sta guidando dolcemente la tua mente attraverso una porta di trascendenza verso un piano superiore di consapevolezza. Portando il fiore della vita a parole e immagini, può portare la tua coscienza a una realizzazione più grande di se stessa. La spirale d’oro può portarti al risveglio dell’anima. Il fiore della vita trascende se stesso dalla forma fisico-matematica con cui è più comunemente conosciuto (geometria sacra), in un equivalente spirituale che chiamiamo amore incondizionato. Questo piccolo fiore di vita si trasforma nel modello dell’amore. Cercatori di verità, poeti e profeti insegnano che l’amore è al centro di tutte le cose. Quando la tua anima collega la coscienza con la spirale aurea, diventi amore. L’amore è il modello infinito dell’Universo. E così sei tu.

Il nostro mondo ha bisogno di subire un’incredibile trasformazione. Dobbiamo curare le nostre emozioni e i nostri corpi stanchi. Dovremmo connetterci sinceramente allo spirito e all’amore, la natura intrinseca in ogni cosa.

La maggior parte delle culture nel corso della storia, dall’azteco al celtico, hanno documentato una correlazione significativa con la forma fisica e la spiritualità, chiaramente espresse attraverso la loro arte e geometria sacra, come il mandala; questi modelli meravigliosi e ipnotizzanti portano un significato rituale e spirituale. Lo psicoanalista Carl Jung si è identificato con il mandala dicendo che era una rappresentazione del sé inconscio e credeva che questi schemi fossero un mezzo verso l’integrità della personalità. La scoperta dell’insieme di Mandelbrot, dal nome di Benoit Mandelbrot, è una raccolta di numeri che formano frattali.

Questi sono oggetti che mostrano l’auto-somiglianza a varie scale, e così possiamo viaggiare nel meraviglioso mondo della geometria frattale, scivolando attraverso schemi ripetitivi di auto-somiglianza senza fine derivanti da una semplice definizione. I fisici quantistici ci mostrano che la sostanza della nostra realtà è modellata, se non creata, dalla nostra stessa coscienza. Sia il vecchio che il nuovo mondo di pensiero ora si uniscono mentre la scienza accoglie la spiritualità in un campo di pensiero uniforme. L’Universo ci parla e noi dobbiamo ascoltarlo.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *