Le tre fasi di apprendimento dell’innovazione: pensare, automatizzare, prevedere

Sembra esserci una progressione di apprendimento naturale quando qualcosa viene padroneggiato. Ho osservato, in molti casi, il passaggio dell’apprendimento attraverso tre fasi distinte; Pensare, automatizzare e prevedere (TAP).

Fase 1: pensare

La fase del pensiero riguarda l’apprendimento delle abilità, delle regole e delle tattiche necessarie per raggiungere l’obiettivo. In questa fase sei consumato dall’acquisizione di competenza e c’è un forte senso di non sapere tutto ciò che devi sapere.

Per l’innovazione, la prima fase, il pensiero, è incarnata attraverso l’acquisizione e l’elaborazione dell’idea. Le organizzazioni in questa fase stanno cercando di capire come avviare l’innovazione. Stanno lavorando sulle regole e sul processo per acquisire idee, rivederle e portarle avanti.

Fase 2: automatizzare

Nella seconda fase, Automating, hai imparato tutte le regole in modo tale da non dover più pensare molto a ciò che stai facendo. Questa è la fase più pericolosa poiché crediamo di sapere tutto ciò che c’è da sapere e di essere fiduciosi nel nostro successo. Molti sentono di avere abbastanza esperienza per essere un buon insegnante.

Le organizzazioni che entrano nella seconda fase sono generalmente riuscite a mettere in atto un solido processo di innovazione. Spesso avranno raggiunto sacche di successo e i manager lungimiranti cercheranno di costruire su questo successo. Durante questa fase, i team cercheranno di allineare l’intera attività con una strategia di innovazione e di incorporare l’innovazione in parte della routine quotidiana in modo che sia un processo continuo.

Fase 3: previsione

L’ultima fase, la previsione, è la fase più sofisticata e viene raggiunta quando puoi infrangere le regole consapevolmente e con una buona ragione e, sulla base della tua forte comprensione, puoi prevedere o creare attivamente il futuro.

In questa fase finale dell’apprendimento dell’innovazione, l’organizzazione intreccia completamente l’innovazione nella cultura e l’innovazione è guidata da una strategia di alto livello. Ora che volume, processo, partecipazione e qualità non sono più problemi (come affrontato nelle fasi 1 e 2), l’innovazione è guidata da reali esigenze organizzative come bloccare i concorrenti, costruire sinergie o creare valore. In questa fase, l’innovazione come mezzo per guidare la proprietà intellettuale è al suo apice, considerando non solo gli aspetti di mercato/tecnici, ma anche le questioni relative alla proprietà intellettuale.

Riepilogo

Inevitabilmente, ogni organizzazione attraversa queste fasi di apprendimento e quindi di competenza nell’innovazione. Con una chiara comprensione di dove ti trovi e dove stai andando, è più facile tracciare i passaggi per migliorare la tua organizzazione al livello di esperti. Per il white paper completo, fare clic su Innovazione e tre fasi dell’apprendimento.

Copyright 2012. Tutti i diritti riservati.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *