Leadership nell’organizzazione

I manager efficaci non sono necessariamente dei veri leader. Molti amministratori, supervisori e persino alti dirigenti svolgono le proprie responsabilità con successo senza essere grandi leader. Ma queste posizioni offrono opportunità per la leadership. La capacità di guidare in modo efficace, quindi, distinguerà i manager eccellenti da quelli medi.

Laddove la direzione deve affrontare le complessità quotidiane e continue delle organizzazioni, la vera leadership include l’orchestrazione efficace di cambiamenti importanti. Sebbene la gestione richieda routine di pianificazione e budget, la guida include l’impostazione della direzione (creazione di una visione) per l’azienda. La gestione richiede la strutturazione dell’organizzazione, l’assunzione di personale con persone capaci e il monitoraggio delle attività; la leadership va oltre queste funzioni ispirando le persone a raggiungere la visione. I grandi leader mantengono le persone concentrate sullo spostamento dell’organizzazione verso il suo futuro ideale, motivandole a superare qualsiasi ostacolo si frappone sulla strada.

Le organizzazioni riescono o falliscono non solo per il modo in cui sono guidate, ma anche per il modo in cui i follower seguono. Proprio come i manager non sono necessariamente dei buoni leader, le persone non sono sempre dei buoni seguaci. I seguaci più efficaci sono capaci di pensare in modo indipendente e allo stesso tempo sono attivamente impegnati negli obiettivi organizzativi. In qualità di manager, ti verrà chiesto di svolgere i ruoli sia di leader che di follower. Mentre guidi le persone che riferiscono a te, riferirai al tuo capo. Sarai membro di alcuni team e comitati e potresti presiedere altri. I seguaci efficaci lo sono

distinti da quelli inefficaci per il loro entusiasmo e impegno per l’organizzazione e per una persona o uno scopo diverso da se stessi o dai propri interessi. Acquisiscono competenze utili alle loro organizzazioni e si attengono a standard di prestazioni superiori a quelli richiesti. Per essere un buon leader devi prima diventare un buon seguace.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *