Recensione di Pro Evolution Soccer 2010

Pro Evolution Soccer 2010 (noto anche come PES10) è l’ennesima puntata della popolare serie di giochi di calcio e calcio, creata dal genio del gioco noto solo come “Sebass”.

Senza dubbio Pro Evolution Soccer 2010 è il gioco più equilibrato dell’intera serie. Troppo spesso in passato i giocatori dovevano fare affidamento sul dribblare la palla intorno ai difensori e giocare 1-2 per segnare gol. Sono stati segnati pochissimi goal incrociando la palla e facendo in modo che un giocatore la colpisse di testa. Sfortunatamente, questo non è il modo in cui il calcio è nella vita reale, e nel mondo reale i goal vengono segnati da tutti i tipi di angolazioni e tutti diversi modi.

Ma questo ha avuto un buon effetto? Konami ha sacrificato il divertimento per il realismo? Molte persone con cui ho parlato un giorno hanno confessato il loro amore eterno per il gioco e il giorno successivo hanno giurato odio amaro contro di esso. La principale lamentela è che il gioco è troppo casuale e imprevedibile. Questo potrebbe essere dovuto solo al fatto che ci sono stati alcuni (molto necessari) cambiamenti importanti al gioco e che le persone avranno bisogno di tempo per adattarsi a loro, oppure potrebbe semplicemente essere che il gioco non è buono come i suoi predecessori .

La seconda grande modifica apportata al gioco è stata l’aggiunta del movimento del giocatore a 360 gradi. In passato, i giocatori potevano muoversi solo in 8 diverse direzioni intorno al campo, e questo ha sicuramente reso il gioco più fluido e realistico. Ovviamente ci vorrà un po’ prima di poter davvero giudicare il gioco a dovere, ma le prime impressioni sono buone, nonostante qualche pecca.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *