Suggerimenti per la leadership – Cos’è un giocatore B?

introduzione

Le responsabilità di leadership includono affrontare la realtà che le persone contribuiscono e si esibiscono a diversi livelli e che i leader devono riconoscere e premiare le persone di conseguenza.

Con l’innovazione e il cambiamento al centro del successo competitivo, abbiamo tutti bisogno di persone che si prendano dei rischi e sfidino lo status quo. Ma se tutto ciò che avessimo fossero persone che corrono rischi, saremmo in un mucchio di guai. I migliori artisti sono disponibili in vari stili.

Una parola dagli esperti

Ho appena finito di leggere un articolo originariamente pubblicato su Harvard Business Online. Il titolo era “Let’s Hear it for B Players”, e mi ha infastidito, soprattutto all’inizio.

Vedete, gli autori hanno sostenuto che i giocatori di B erano in realtà più prezioso a un’organizzazione rispetto ai giocatori di serie A. Hanno descritto i giocatori di B come gli artisti solidi, stabili e competenti che sono più impegnati nella compagnia che nella propria gloria personale.

Hanno suggerito che i giocatori di A cerchino e spesso facciano il grande punteggio, ma sono anche più inclini a “passi falsi” ed errori, per non parlare di partire per un’altra posizione.

Fatemi capire bene. Questi ragazzi stanno sostenendo che i buoni soldati sono più preziosi di quelli che si prendono dei rischi? Viviamo in un mondo in cambiamento, in cui i concorrenti cercano sempre di migliorare le loro persone, i loro processi e la loro tecnologia. Non correre rischi e potresti anche prepararti a mangiare la loro polvere.

Cos’è un giocatore B?

L’articolo prosegue descrivendo chi sono i giocatori B. Per prima cosa parlano degli ex giocatori di serie A, e qui usano il linguaggio del PC per descrivere essenzialmente i lavoratori più anziani che possiedono molte conoscenze. Queste persone hanno raggiunto un punto della vita in cui la ricerca della gloria personale non vale più il sacrificio, soprattutto in termini di equilibrio tra lavoro e vita privata.

OK, ma questi non sono necessariamente giocatori di serie B. Forse non vogliono viaggiare l’80% delle volte, e forse non stanno cercando l’ufficio all’angolo, ma la maggior parte di loro si arrabbierebbe all’idea di essere “ex” star.

Altri descritti come giocatori B sono quelli con longevità e forte “memoria organizzativa”, che non reagiscono in modo eccessivo alle crisi e alle turbolenze e che sono altamente adattabili al cambiamento. Quelli sono giocatori B? Mi sembrano potenziali leader.

Una volta ho conosciuto un ragazzo in una posizione IT abbastanza senior a cui piaceva dire “Non mi stresso, lo do”. Ma l’ha detto con umorismo (almeno penso che l’abbia fatto). Sotto pressione, è stato un artista molto solido che ha mantenuto la calma e ha mantenuto la sua gente concentrata sull’obiettivo a portata di mano. Non è mai stato un giocatore di serie B.

Un problema con le etichette

L’articolo di Harvard Business stava dimostrando il valore di queste persone e i pericoli di dare tutto il riconoscimento e la ricompensa a coloro che corrono rischi di alto profilo mentre le persone silenziose ma ferme si sentono tranquillamente frustrate. Quell’argomento è valido; sono le etichette che sono sbagliate.

Abbiamo bisogno di agenti di cambiamento. Abbiamo bisogno di persone con l’esperienza e la maturità per riconoscere la differenza tra idee innovative e cambiamento per il bene del cambiamento. Abbiamo bisogno delle superstar tranquille a cui gli altri guardano. Mi piace chiamare quei key opinion leader. Spesso si perdono in un’organizzazione e un buon leader li trova e li premia.

Se hai intenzione di etichettare gli artisti (e senza discutere della filosofia di Jack Welch, ammettiamo che la maggior parte di noi lo fa), hai bisogno di spazio nella categoria A per qualcosa di più dei semplici cowboy che corrono il rischio.

L’idea che un giocatore B sia più prezioso di un giocatore A non ha senso. Se intendi valutare le persone, la tua valutazione più alta deve andare ai tuoi giocatori più preziosi. Se stai uscendo con una risposta diversa, devi rivedere il tuo approccio alla valutazione. I giocatori A valgono più dei giocatori B.

Ora i giocatori di C, questa è un’altra storia.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *