The One Minute Manager – Recensione del libro

Titolo: Il manager di un minuto

Autore: Kenneth Blanchard, Ph.D. E Spencer Johnson, MD

– sono gli autori di Who Moved My Cheese?

Capitoli: 16

Pagine: 111

Il simbolo: Orologio digitale moderno che indica 1 minuto come promemoria per prendersi del tempo per guardare le persone che gestisci e sapere che sono la tua migliore risorsa.

Personaggi:

1. Giovane brillante

2. Il gestore di un minuto

3. Mr. Trenell – Impostazione degli obiettivi in ​​un minuto

4. Mr. Levy – Un minuto di lode

5. Ms. Brown – Un minuto di rimprovero

6. Sig.ra Metcalfe – Segretario

Introduzione:

Quasi tutto ciò che fai con le persone che gestisci dovrebbe richiedere al massimo un minuto. Questo sarebbe il primo pensiero che avresti letto il libro. Ma una volta che hai finito, ovviamente, non significa letteralmente un minuto. Significa solo che non dovresti dedicare più tempo a fare le cose quando sei abbastanza efficiente. Le questioni che richiedono più di un minuto dovrebbero comunque essere trattate di conseguenza. È il poco tempo che hai trascorso con la tua gente nel momento giusto che fa la differenza. Questo è ben strutturato con le tre guide di One Minute Management spiegate nel libro: One Minute Goal Setting, One Minute Prazing e One Minute Reprimand. È molto importante che tu esegua queste linee guida direttamente quando è necessario per ottenere il giusto output per garantire migliori capacità di gestione delle persone. La maggior parte dei manager citati all’inizio del libro non li applica e tende a esagerare. Prendiamoci un minuto di definizione degli obiettivi… se un leader impiega del tempo a preparare ogni membro e l’intero team con questo, tutti saranno sulla stessa pagina e non sarà necessario essere fuorviati durante la produzione. Sarebbe un facile riferimento a ciò che dovrebbero produrre poiché andrebbe dritto al punto. Seguendo la spiegazione di seguito dal personaggio Mr. Trenell. Lo stesso con One Minute Prausing, che evidenzia l’azione necessaria per rafforzare o enfatizzare l’output desiderato e il suo mantenimento, spiegato dal personaggio Mr. Levy. E, soprattutto, assicurarsi che il comportamento nell’ambiente di lavoro che non dovrebbe essere tollerato venga spiegato su come gestirlo dal personaggio, la signora Brown.

Mr. Trenell – Impostazione dell’obiettivo in un minuto

un. Concorda sui tuoi obiettivi

b. Guarda che aspetto ha un buon comportamento

c. Scrivi ciascuno dei tuoi obiettivi su un singolo foglio di carta utilizzando meno di 250 parole.

d. Leggi e rileggi ogni obiettivo, che richiede solo un minuto circa ogni volta che lo fai.

e. Prenditi un minuto ogni tanto della tua giornata per guardare le tue prestazioni e

f. Verifica se il tuo comportamento corrisponde o meno al tuo obiettivo.

Mr. Levy – Un minuto di lode

un. Dì alle persone in anticipo che farai loro sapere come stanno.

b. Loda subito le persone.

c. Dì alle persone cosa hanno fatto bene – sii specifico.

d. Dì alle persone quanto ti senti bene riguardo a ciò che hanno fatto bene e come questo aiuta l’organizzazione e le altre persone che ci lavorano.

e. Fermati per un momento di silenzio per fargli “sentire” quanto ti senti bene.

f. Incoraggiali a fare di più lo stesso.

g. Stringere la mano o toccare le persone in un modo che dichiari chiaramente che sostieni il loro successo nell’organizzazione.

Sig.ra Brown – Un minuto di rimprovero

un. Dì alle persone in anticipo che farai loro sapere come stanno e senza mezzi termini. (la prima metà del rimprovero)

b. Rimproverare immediatamente le persone.

c. Dì alle persone cosa hanno sbagliato – sii specifico.

d. Dì alle persone come ti senti riguardo a ciò che hanno fatto di sbagliato – e senza mezzi termini.

e. Fermati per qualche secondo di silenzio imbarazzante per fargli sentire come ti senti.

f. Stringili la mano o toccali in un modo che gli faccia sapere che sei onestamente dalla loro parte.

g. Ricorda loro quanto li apprezzi.

h. Riaffermi che pensi bene a loro ma non al loro rendimento in questa situazione.

I. Renditi conto che quando il rimprovero è finito, è finito.

Conclusione:

Il libro è stato scritto da autori che hanno anche scritto “Who Moved My Cheese?”, così come il libro che ha abbastanza pagine per spiegare il suo obiettivo che è anche sulla gestione delle persone e sul valore delle persone. Mantiene il lettore sul bordo del suo sedile, il che fa quasi sentire al lettore che ci vuole solo un minuto per leggere il libro. Potrebbe essere altamente raccomandato ai manager di leggere il libro per ridurre il tempo dedicato alla gestione delle persone e più per ottenere risultati nel modo corretto senza aumentare troppo la pressione, piuttosto aumentare l’iniziativa del dipendente nel fare le cose per bene.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *