Una gustosa storia di tartufi di cioccolato

I tartufi al cioccolato sono in circolazione da molto, molto tempo, soddisfano i palati più esigenti di tutto il mondo e deliziano grandi e piccini con la loro gustosa bontà infusa al cacao.

La moderna industria del cioccolato come la conosciamo prese vita nel 1828 quando l’invenzione della pressa per il cacao rese possibile l’estrazione del grasso naturale dalle fave di cacao. Questo grasso è meglio conosciuto oggi come burro di cacao ed è un gustoso sottoprodotto dell’interno solido della fava di cacao.

La pressa per il cacao è stata una grande svolta perché ha permesso ai produttori di caramelle di creare per la prima volta una solida tavoletta di cioccolato. Le primissime caramelle di cioccolato solido furono prodotte a Bristol, in Inghilterra, da Fry’s nel 1847. Queste “barrette” di cioccolato solido furono un successo immediato presso il pubblico britannico e divennero presto un’esportazione molto ricercata in Europa, nelle Americhe e in Asia.

Il primo cioccolato solido è stato prodotto unendo il cacao in polvere e lo zucchero con il burro di cacao di nuova concezione e aromi speciali come la vaniglia. Più tardi, nel 1879, gli svizzeri iniziarono a produrre il loro marchio unico di cioccolato. L’imprenditore svizzero Henri Nestlé ha sviluppato una ricetta esclusiva nota come “cioccolato al latte” combinando il nuovo cioccolato solido con una polvere di latte disidratato e zucchero.

Il nuovo cioccolato al latte di Nestlé è stato un fenomeno di vendita immediata e ben presto ha stimolato una miriade di imitatori in tutto il mondo. Ad esempio, negli Stati Uniti la Hershey Corp. iniziò a produrre un tipo molto simile di cioccolato al latte, che molte persone credono sia stato sviluppato dal “reverse engineering” delle famose barrette di cioccolato Nestlé. In ogni caso, il cioccolato al latte di Hersey è diventato estremamente popolare in Nord America e continua ad esserlo ancora oggi.

Ma è stato in Francia che il cioccolato al latte di Nestlé ha avuto la maggiore influenza. La sperimentazione tra i produttori di cioccolato in Francia ha portato allo sviluppo della ganache, che è il nucleo centrale del tartufo moderno. La Ganache era una combinazione ultra liscia di cioccolato solido e crema che aveva una consistenza vellutata e simile a un liquido. I tartufi al cioccolato iniziarono a essere preparati con questa confezione e spesso venivano aromatizzati con altri ingredienti come cioccolato fondente o bianco, cacao in polvere o mandorle o altre noci tritate.

Sebbene i tartufi siano originari della Francia, sono diventati rapidamente popolari in tutta Europa, Nord America e, infine, anche in Estremo Oriente. Anche il nome “tartufo” è francese, e significa “un piccolo fungo”. I dolci avevano questo nome perché sembravano molto simili nella forma ai piccoli funghi che crescevano spontaneamente nella foresta francese.

Da quel momento, i tartufi di cioccolato francesi sono diventati le caramelle più raffinate e lussuose disponibili. In effetti, i tartufi sono presi così sul serio in Francia che ogni anno si tiene un concorso per giudicare il meglio di ogni singola regione del paese. E in molte fabbriche di cioccolato francesi, gli ingredienti migliori e più freschi continuano ad essere riservati all’uso esclusivo nei tartufi.

In questi giorni ci sono molte varietà diverse di tartufi disponibili, ma di gran lunga i tartufi al cioccolato originali sono ancora tra le migliori prelibatezze disponibili ovunque.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *